Quirinale contemporaneo

Si è appena inaugurata la terza edizioni di “Quirinale contemporaneo”, 203 opere d’arte e di design sono entrate nelle collezioni delle splendide sedi presidenziali del Quirinale, di Castelporziano e Villa Rosebery.

Un progetto promosso dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per aprire all’attualità la “Casa degli italiani”, finalizzato ad “aggiornare l’immagine delle sedi istituzionali tramite l’inserimento di rilevanti espressioni del genio e dell’estro degli artisti italiani”.

Dipinti, sculture, installazioni, mosaici, fotografie, ricami: espressioni delle principali correnti artistiche dal dopoguerra ai nostri giorni, opere eterogenee di grandi e celebri artisti come Giacomo Manzù, Alberto Burri, Lucio Fontana, Arnaldo Pomodoro, Giorgio De Chirico, Alighiero Boetti, Giosetta Fioroni e molti altri esponenti delle ultime generazioni. Nelle sale di rappresentanza, accanto agli arredi e alle opere di epoca pontificia e sabauda, trovano posto le opere dei più significativi autori del secondo Novecento e del XXI secolo. Come annotato da Renata Cristina Mazzantini, curatrice del progetto e del catalogo “Quirinale Contemporaneo”, l’operazione “dimostra che l’Italia non vive unicamente nel riverbero della sua magnifica tradizione ma, oggi come ieri, è una straordinaria fucina di creatività”.

Tra le mirabili opere di design, acquisite in quest’ultima edizione, da segnalare le poltrone I Feltri di Gaetano Pesce e Proust di Alessandro Mendini, capolavori del made in Italy che perfettamente si integrano agli ambienti di rappresentanza. La selezione delle opere e l’allestimento, infatti, ha avuto come priorità la tutela degli apparati decorativi delle sale e il rispetto delle sedi istituzionali.

"Quirinale Contemporaneo" è un progetto in fieri che si amplierà nel tempo e che ha come scopo quello di ridurre la distanza tra i cittadini e le istituzioni, rendendo più “familiari” le sedi presidenziali. In esposizione un mirabile compendio dell’arte italiana, nel solco tra tradizione e innovazione, che dimostra come l’Italia continua ad essere un laboratorio di talenti e che l’arte nei secoli continua a essere un elemento fortemente identitario.


Il Progetto "Quirinale Contemporaneo" è inserito nel percorso di visita del Palazzo del Quirinale (palazzo.quirinale.it).




In foto: Massimo Listri, Palazzo Carignano, 2005. Sala del Regno

Commenti

Dante rivisto

Rubriche

La parola del mese

a cura di Alessandro Masi

Stabilità

La parola del mese

La radice del termine è il verbo latino stare, che rimanda...

Pianeta

La parola del mese

L’origine del termine, come spesso capita per le parole di...

Simpatia

La parola del mese

Il termine proviene dal verbo greco pathein (“soffrire”)...

Sport

La parola del mese

Ha fatto diversi giri di pista: dall’italiano diporto è...

Paesaggi italiani

a cura di Lucilla Pizzoli

#ParoleVerdi -...

Paesaggi italiani

Cosa hanno in comune Civita di Bagnoregio, Matera, la...

BAIA

Paesaggi italiani

Oltre alle spiagge, le calette e le grotte, l’Italia vanta...

Palazzo

Paesaggi italiani

Chi di noi vive in un appartamento è probabile che sia...

Nuraghe

Paesaggi italiani

La Sardegna ne ha oltre seimila e ne va estremamente fiera,...

Gioca

Quanto ne sai delle...

Gioca

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Entra nella nostra community