Traduzione

Il 18 luglio 1917 nasceva Fernanda Pivano, scrittrice, saggista e traduttrice, simbolo di una generazione che ha attraversato il Novecento e ne ha rinnovato dal profondo l’assetto culturale e sociale. I suoi esordi hanno come sfondo i passaggi più cupi e drammatici del secondo conflitto mondiale, ma sono già segnati da un’incrollabile energia e determinazione: nel 1943 Fernanda viene arrestata per aver proposto ad Einaudi la propria traduzione di Addio alle armi, inviso al regime, ma a quell’anno risale anche la pubblicazione della prima versione italiana dell’Antologia di Spoon River, da lei curata. Alla letteratura americana la giovane Pivano era stata introdotta da un professore del liceo D’Azeglio di Torino, sua guida intellettuale per molti anni a venire: si chiamava Cesare Pavese. Più tardi, dopo un primo viaggio negli Stati Uniti, saranno le traduzioni di Fernanda a portare al pubblico italiano opere di autori come Fitzgerald, Faulkner e Miller e a diffondere la cultura della Beat Generation di Kerouac, Burroghs e Bukowski: talenti “divergenti” e “disobbedienti”, come recita il titolo del Festival che celebra ogni anno la sua memoria e premia la creatività controcorrente.
La storia del mestiere di traduttore è costellata da grandi conquiste e implica molte responsabilità. Senza gli amanuensi, impegnati pur fra molti adattamenti e licenze a convertire i testi classici dal greco al latino, la nostra conoscenza della letteratura antica sarebbe molto più parziale. Ma sarà l’avvento delle lingue volgari a far emergere sempre più spesso l’esigenza di tradurre testi scritti dall’idioma di origine a quello di destinazione, prima nella pratica quotidiana e poi nell’ambito letterario. Se sono ancora oggi molti a sostenere l’intraducibilità delle lingue, la traduzione di un’opera, supportata da una profonda competenza e da una buona dose di sensibilità, è uno strumento indispensabile per la diffusione del sapere e per la comunicazione e il dialogo tra realtà culturali differenti.

In foto: Fernanda Pivano con Ettore Sottsass nel 1969.

Ettore_Sottsass_and_Fernanda_Pivano_1969

 

Commenti

Dante rivisto

Rubriche

La parola del mese

a cura di Alessandro Masi

Stabilità

La parola del mese

La radice del termine è il verbo latino stare, che rimanda...

Pianeta

La parola del mese

L’origine del termine, come spesso capita per le parole di...

Simpatia

La parola del mese

Il termine proviene dal verbo greco pathein (“soffrire”)...

Sport

La parola del mese

Ha fatto diversi giri di pista: dall’italiano diporto è...

Paesaggi italiani

a cura di Lucilla Pizzoli

#ParoleVerdi -...

Paesaggi italiani

Cosa hanno in comune Civita di Bagnoregio, Matera, la...

BAIA

Paesaggi italiani

Oltre alle spiagge, le calette e le grotte, l’Italia vanta...

Palazzo

Paesaggi italiani

Chi di noi vive in un appartamento è probabile che sia...

Nuraghe

Paesaggi italiani

La Sardegna ne ha oltre seimila e ne va estremamente fiera,...

Gioca

Quanto ne sai delle...

Gioca

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Entra nella nostra community