Anna Cercignano e le sue “riflessioni” dantesche

“Tre specchi prenderai; e i due rimovi
da te d'un modo, e l'altro, più rimosso,
tr'ambo li primi li occhi tuoi ritrovi.”
Paradiso, II, 97 – 99

Giunto al primo Cielo, Dante viene sollecitato da Beatrice a pronunciarsi sulla natura delle macchie lunari e il poeta espone una teoria, quella della diverse densità del corpo celeste, che viene prontamente confutata dalla donna. Per convincerlo del proprio errore Beatrice lo invita a compiere un esperimento con tre specchi, due posti a eguale distanza dal suo punto di osservazione e il terzo più lontano, tutti illuminati da una fonte di luce. Dopo aver dimostrato come l’intensità luminosa rinviata dai tre specchi sia la stessa, anche se le dimensioni del riflesso sono diverse, Beatrice propone la sua interpretazione del fenomeno: la luce originaria è la virtù divina che discende dall’Empireo e si irradia verso i cieli e gli astri sottostanti, mantenendo la sua essenza ma combinandosi con la loro materia e manifestandosi in modi differenti.
Anna Cercignano si è lasciata ispirare da questi versi per dare vita un’immagine intrigante. Dell’Alighieri si riconoscono il busto, la testa coronata e il profilo, mentre i suoi occhi sono nascosti dal frammento di specchio che il poeta sostiene con una mano. In questa sagoma irregolare si vede riflesso lo sguardo di Beatrice, ma soprattutto vi si intuisce la capacità persuasiva del suo ragionamento, la forza ipnotica del suo discorso, in grado di riplasmare il pensiero di Dante, aprendolo a nuove e splendide visioni.
Disegnatrice, illustratrice, fumettista, autrice, classe 1984, la Cercignano collabora con varie case editrici e testate. Nel 2020 ha vinto il premio Walk on Rights, sezione fumetto di Amnesty International - Regione Lombardia. Sensibile alle questioni sociali, considera il fumetto “il modo più limpido per parlare di quello che penso”.
L’opera, omaggio della giovane artista al Sommo poeta, eseguita con la paziente tecnica delle matite colorate, è stata realizzata per la mostra Suggestioni dantesche, organizzata dall’associazione Libreria di Viaggio presso il Museo del Fumetto di Cosenza a maggio scorso e poi trasferita a New York e a Roma.

In foto: A. Cercignano, I tre specchi, 2021, matite colorate su carta. Courtesy dell’Artista.

thumbnail_TAVOLA-26-Cercignano-2-web

 

Commenti

Dante rivisto

Rubriche

La parola del mese

a cura di Alessandro Masi

Estroverso

La parola del mese

Il termine è di origine latina (da extra-, “fuori”, e...

Sussurrare

La parola del mese

Il verbo latino susurro era una voce onomatopeica, cercava...

Canicola

La parola del mese

Il periodo più torrido dell’anno prende il nome dal termine...

Bibita

La parola del mese

Il termine viene dal latino bibere, così come i suoi ...

Paesaggi italiani

a cura di Lucilla Pizzoli

Paese

Paesaggi italiani

Se dovessimo pensare ad una definizione letteraria per...

CUPOLA

Paesaggi italiani

#PaesaggiUrbani #PaesaggiDaPreservare

Calanchi

Paesaggi italiani, Parole verdi

Cosa hanno in comune Civita di Bagnoregio, Matera, la...

Baia

Paesaggi italiani, Parole verdi

Oltre alle spiagge, le calette e le grotte, l’Italia vanta...

Gioca

Scopriamo insieme...

Gioca, Parole verdi

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Quanto ne sai delle...

Gioca

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Entra nella nostra community