I libri della settimana: Sangiuliano, Mattei, Benucci

 La redazione della Dante consiglia una selezione tra narrativa e saggistica di autori italiani o testi originali in lingua italiana.

PrezzoliniSchermata 2023-12-15 alle 11.06.28

di Gennaro Sangiuliano
Mondadori (Oscar)
372 pagine, 18 euro

Nella sua vita centenaria, Giuseppe Prezzolini (1882-1982) è stato il testimone – e per certi versi l’«archivista» – di un percorso secolare della storia e della cultura italiane e non solo. Senza che lui l’abbia cercato, la sua vita è stata un crocevia ineguagliabile di incontri ed esperienze: fondatore e anima della «Voce», la più importante rivista culturale italiana del Novecento, amico e corrispondente di decine di personaggi, da Carducci a Gramsci, da Apollinaire a Croce, da Oriana Fallaci a Montanelli, è stato il primo intellettuale moderno, con una visione multiculturale tuttora rara, aperto all’interventismo nel mondo e non chiuso nell’accademismo ottocentesco. Ha attraversato e rappresentato le contraddizioni del Novecento, dalla Grande Guerra al fascismo, dal secondo conflitto mondiale al dopoguerra, mantenendosi sempre lontano dalle ideologie e dal conformismo. Per tutta la vita, ha curato e preservato, talora a caro prezzo, una cosa sopra tutte: la sua libertà.

Gennaro Sangiuliano è stato tra l'altro docente di Storia dell'economia presso l'Università Luiss - Guido Carli di Roma e direttore della Scuola di giornalismo dell'Università di Salerno. Giornalista, dall'ottobre 2022 è ministro della Cultura. Tra i suoi libri: Giuseppe Prezzolini (2008), Scacco allo Zar (2012), Putin (2015), Hillary (2016), Trump (2017), Il nuovo Mao (2019), Reagan (2021). Con Vittorio Feltri è autore di Una Repubblica senza patria (2013) e Il Quarto Reich (2014).

La regina che amava la libertàSchermata 2023-12-15 alle 11.07.19
di Annarosa Mattei
Salani
400 pagine, 18 euro

Fin dal momento della sua nascita, Cristina di Svezia è destinata a due cose: a essere grande e a essere diversa. Figlia amatissima dell’impetuoso e colto re Gustavo II Adolfo della dinastia dei Vasa, viene educata come un principe, in aperta controtendenza rispetto ai radicati pregiudizi del tempo. Controversa e irriverente, scandalosa e geniale, Cristina scelse di disobbedire alle leggi di un mondo ancora troppo antico per accettare una personalità multiforme come la sua. Regina bambina a soli sei anni, assetata di libri e di cultura, trasformò Stoccolma nell’Atene del Nord. Trattò alla pari intellettuali e re ed ebbe tra i suoi maestri Cartesio, il filosofo più celebrato e discusso d’Europa. Rifiutò il matrimonio per essere libera ed elaborò il concetto di libertà per poter essere se stessa. Tutta la sua vita, sospesa fra governo, intrighi, passioni e meraviglie, fu la personificazione di un ossimoro. Il mondo però non la capì mai. Così Cristina preferì rinunciare alla corona e trasferirsi a Roma, città universale di linguaggi e culture diverse, dove fu seconda solo al papa.

Annarosa Mattei ha pubblicato tre romanzi negli Oscar Mondadori: Una ragazza che è stata mia madre (2005); L’archivio segreto (2008); Il sonno del Reame (2013). Con La lepre Edizioni di Roma ha pubblicato: L’enigma d’amore nell’occidente medievale (2017) e Sogno notturno a Roma 1871-2021 (2021). 


Leggere Dante: donne dell’OttocentoSchermata 2023-12-15 alle 10.57.52
di Elisabetta Benucci
Effigi
576 pagine, 24 euro

È una storia letteraria lunga un secolo quella che qui viene presentata. Una storia declinata al femminile che ricostruisce come e quanto venticinque scrittrici si siano affaticate, nel corso dell’Ottocento, su Dante e le sue opere. I testi qui raccolti, per i quali potremmo azzardare la definizione di “dantistica d’autrice”, offrono un ampio spaccato della fortuna del poeta nell’ambito della scrittura femminile. Peccato che le opere e i contributi di queste raffinate interpreti abbiano goduto di una fama effimera, limitata al momento, per poi scomparire nell’oblio. È giusto allora tentare di restituire loro visibilità, proponendo questa singolare antologia, la prima in tal senso, che raccoglie i loro scritti danteschi. C’è davvero una sezione di storia della letteratura e della critica letteraria al femminile in questo volume; potremmo anche dire una parte rilevante della storia delle donne del XIX secolo. O, ancora meglio, uno scorcio importante della nostra letteratura, e non solo al femminile.

Elisabetta Benucci, filologa e storica della letteratura, collabora con l’Accademia della Crusca. Accanto ai volumi su Leopardi e su altri importanti autori della letteratura italiana, ha dedicato molti studi a figure femminili di rilievo; nello specifico, ha ricostruito la figura di Paolina Leopardi. Nel 2018 ha dato alle stampe il volume P. Leopardi, "Lettere" (1822-1869). Nel 2019 è stata tra i curatori del volume Paolina e Giacomo Leopardi a Pisa. Nel 2020 ha pubblicato le "Opere commentate di Paolina" (il "Viaggio notturno, la vita di Mozart, la Conversione di Ratisbonne"), restituendole così un posto nel panorama delle scrittrici dell’Ottocento.

Commenti

Dante rivisto

Rubriche

La parola del mese

a cura di Alessandro Masi

CULTURA

La parola del mese

La parola di questo mese è Cultura.Il termine deriva dal...

SINCERITA'

La parola del mese

La parola di questo mese è sincerità.

Per i latini la...

ABISSO

La parola del mese, Parole verdi

La parola di questo mese è abisso. Il termine abisso viene...

Solleone

La parola del mese, Parole verdi

Anche se il termine 𝒔𝒐𝒍𝒍𝒆𝒐𝒏𝒆 potrebbe richiamare...

Paesaggi italiani

a cura di Lucilla Pizzoli

Paese

Paesaggi italiani

Se dovessimo pensare ad una definizione letteraria per...

CUPOLA

Paesaggi italiani

#PaesaggiUrbani #PaesaggiDaPreservare

Calanchi

Paesaggi italiani, Parole verdi

Cosa hanno in comune Civita di Bagnoregio, Matera, la...

Baia

Paesaggi italiani, Parole verdi

Oltre alle spiagge, le calette e le grotte, l’Italia vanta...

Gioca

Scopriamo insieme...

Gioca, Parole verdi

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Quanto ne sai delle...

Gioca

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Entra nella nostra community