"Il volto di Dante" di David Sossella

Ogni immagine rivela le fonti d’ispirazione del proprio autore e quelle cui attinge David Sossella per “Il volto di Dante” sono tutte di prim’ordine: le grottesche fattezze dei personaggi della “Città incantata” di Miyazaki, le incongruenze spaziali di Escher e i vuoti cieli notturni cavalcati dall’Arzach di Moebius, il cromatismo vivace degli anime e, per il dettaglio degli occhi, gli “orologi molli” di Salvador Dalì. Classe 1976, veneziano, Sossella è uno dei graphic designer più originali nel panorama della giovane illustrazione italiana, capace di cimentarsi con le tecniche tradizionali e con quelle vettoriali e digitali e di muoversi indifferentemente nell’ambito editoriale, autoriale e commerciale. Parla del suo come di un lavoro certosino, che richiede umiltà e dedizione, ma anche molta intraprendenza e apertura alla contemporaneità: recentemente si è distinto per aver proposto in vendita i suoi primi NFT (“non-fungible tokens”), ossia certificati di proprietà su opere digitali.
La sua versione del Sommo Poeta pensata per l’edizione 2017 di DantePlus, mostra collettiva organizzata annualmente a Ravenna a cura di Marco Miccoli, sorprende per la prorompente forza immaginifica. Un piccolo Dante si dondola appigliandosi ai lacci del copricapo di una più grande effigie osservata dal sotto in su: un’impressionante maschera dantesca dalla vistosa dentatura, vuota e scavata, avvinta da minacciose foglie di lauro, che fluttua in uno spazio fantascientifico, solcato da nuvole, pianeti e simboli astrali. Anche Beatrice, ispirata più all’estetica di una bambola lollipop che alla tradizionale iconografia, è appesa alla curiosa “mongolfiera”, mentre fanno capolino, in alto a destra, le tre fiere, e al centro piccoli teschi e alcune creaturine infernali. Una scena davvero singolare e a tratti spiazzante, ma che restituisce efficacemente la portata visionaria del viaggio dantesco verso dimensioni ignote.

In foto: David Sossella, Il volto di Dante, 2017. Courtesy dell'Artista

sossella facebook

 

Commenti

Dante rivisto

Rubriche

La parola del mese

a cura di Alessandro Masi

Sussurrare

La parola del mese

Il verbo latino susurro era una voce onomatopeica, cercava...

Canicola

La parola del mese

Il periodo più torrido dell’anno prende il nome dal termine...

Bibita

La parola del mese

Il termine viene dal latino bibere, così come i suoi ...

Stabilità

La parola del mese

La radice del termine è il verbo latino stare, che rimanda...

Paesaggi italiani

a cura di Lucilla Pizzoli

Paese

Paesaggi italiani

Se dovessimo pensare ad una definizione letteraria per...

CUPOLA

Paesaggi italiani

#PaesaggiUrbani #PaesaggiDaPreservare

Calanchi

Paesaggi italiani, Parole verdi

Cosa hanno in comune Civita di Bagnoregio, Matera, la...

Baia

Paesaggi italiani, Parole verdi

Oltre alle spiagge, le calette e le grotte, l’Italia vanta...

Gioca

Scopriamo insieme...

Gioca, Parole verdi

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Quanto ne sai delle...

Gioca

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Entra nella nostra community