Le selve molto oscure di Davide Saraceno

Come fossero tracce di una mappa astrale, i segni grafici che Davide Saraceno semina sullo sfondo del suo profilo dantesco sembrano guidare lo spettatore all’interno dell’universo della Commedia. Alcuni riportano difatti passaggi del poema ben noti all’immaginario collettivo, terzine celebri come quella che apre il Canto III dell’Inferno, riprodotta bianco su nero alla destra del personaggio: «Per me si va ne la città dolente /per me si va ne l’etterno dolore / per me si va tra la perduta gente». I flash di colore, che a intermittenza diradano il tenebroso scenario, permettono anche di riconoscere la sequenza dei gironi infernali, l’orrido Lucifero o la divina Beatrice.
Ma che succede se si decide di rovesciare la scrittura, come fosse riflessa in uno specchio? O se si traggono i versi e le miniature da differenti fonti, in parte sovrapponendoli? La comunicazione verbale e visiva diventa sfuggente e il senso delle parole e delle immagini, anche le più familiari, finisce per cedere, risucchiato dal buco nero dei misteri grandi e piccoli che ancora avvolgono il pensiero dantesco.
L’illustratore e designer torinese, forse giocando proprio con le zone d’ombra e i limiti della nostra conoscenza in merito al capolavoro dell’Alighieri, tenta di verificare queste possibilità, a cominciare dal titolo, P€R 5ELVƎ ϴ$CVRΣ, che solo apparentemente corrisponde a un’espressione intellegibile. Anche la figura di Dante appare del resto ambigua, elusiva, inafferrabile: i suoi lineamenti vengono sdoppiati per formare due sagome poste su differenti piani. Una è chiaramente contrassegnata dall’incarnato naturale del viso, l’altra è più bassa e appena accennata da una fascia biancastra e fluttuante, che rende l’aspetto del poeta più simile a quello di un fantasma o di un ectoplasma. Vengono in mente gli esperimenti che un secolo fa conducevano i futuristi fratelli Bragaglia, inventori del “Fotodinamismo”, o gli oggetti spettrali della rayografie del dada-surrealista Man Ray. Più agevolmente, figlio del suo tempo, Saraceno sfrutta le infinite potenzialità del digitale, offrendoci un’immagine originale e sofisticata. L’opera è stata esposta a Ravenna per l’edizione 2017 della rassegna annuale Dante plus.

D. Saraceno, P€R 5ELVƎ ϴ$CVRΣ, 2017, illustrazione digitale, cm 50x35. Courtesy dell’Artista.

 

Dante-Plus leggera

 

Commenti

Dante rivisto

Rubriche

La parola del mese

a cura di Alessandro Masi

Stabilità

La parola del mese

La radice del termine è il verbo latino stare, che rimanda...

Pianeta

La parola del mese

L’origine del termine, come spesso capita per le parole di...

Simpatia

La parola del mese

Il termine proviene dal verbo greco pathein (“soffrire”)...

Sport

La parola del mese

Ha fatto diversi giri di pista: dall’italiano diporto è...

Paesaggi italiani

a cura di Lucilla Pizzoli

#ParoleVerdi -...

Paesaggi italiani

Cosa hanno in comune Civita di Bagnoregio, Matera, la...

BAIA

Paesaggi italiani

Oltre alle spiagge, le calette e le grotte, l’Italia vanta...

Palazzo

Paesaggi italiani

Chi di noi vive in un appartamento è probabile che sia...

Nuraghe

Paesaggi italiani

La Sardegna ne ha oltre seimila e ne va estremamente fiera,...

Gioca

Quanto ne sai delle...

Gioca

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Entra nella nostra community