Temi e parole nei testi di Sanremo

Il Festival di Sanremo debuttò nel 1951 con soli tre cantanti in gara e un piccolo pubblico. Ma già dalla prima edizione gli ascolti radiofonici ne decretarono il successo. La Rai, nel 1955, trasmise la diretta del Festival che da allora è diventato l’appuntamento di musica italiana più atteso dell’anno, capace di evolvere nel tempo, con una crescente attenzione alle tendenze, i costumi, ma soprattutto ai nuovi generi musicali italiani. 

Negli ultimi anni l’obiettivo prioritario del Festival è stato il superamento di un pubblico esclusivamente adulto e il raggiungimento di grandi numeri anche sul digitale e nel mondo dei social, puntando a diventare un crocevia plurigenerazionale di tendenze musicali e linguistiche. 

Ma vediamo quali temi e quali testi sono stati presentati quest’anno, nel laboratorio linguistico sanremese, che rimane uno spaccato interessante sull’evoluzione e lo stato attuale della nostra lingua. 

Tra i temi proposti, l’amore rimane il più cantato. 

C’è l’amore bello, che rende felici, pieni, intensi, che salva perfino, l'amore che toglie il fiato. Ma c’è anche l’amore brutto, quello struggente o malinconico che genera diffidenza, paura, sofferenza, fino all’annullamento di sé. 

Dopo l’amore, le emozioni fanno da filo conduttore di molti testi: gioia, rabbia, tristezza, disgusto, paura, sorpresa e infine la noia, tema quest’ultimo che ha portato sul podio la giovane vincitrice dell’edizione 2024, Angelina Mango. 

Non sono certo mancati i temi sociali nei testi della 74esima edizione del Festival di Sanremo: le guerre, l’insicurezza nelle città, il tema dei migranti, il bullismo e la violenza, l’esclusione sociale e perfino un manifesto di donne per le donne.  

Infine, tanti spaccati della vita quotidiana, fatta di azzardi e ripartite, di voglia di riscatto e di autoaffermazione, spesso accompagnati da rotture degli schemi sui generi musicali che vanno dal classico al rap (tanto rap) fino ai mix di generi (hip-hop, rap, trap) che hanno generato il sovrapporsi di tendenze linguistiche che spesso si fondono in una sorta di POP urbano fatto dei suoni, dei colori, degli odori e dei ritmi delle città. 

Molte delle canzoni presentate quest’anno - che da regolamento devono essere in lingua italiana – contenevano espressione di cultura popolare, in lingua dialettale italiana, come la canzone di Geolier, seconda classificata, cantata interamente in dialetto napoletano. Ma, come recita il regolamento: non fa venire meno il requisito della appartenenza alla lingua italiana la presenza nel testo letterario di parole e/o locuzioni in lingua dialettale italiana,...” 

A questo punto, non ci resta che darci appuntamento alla 75esima edizione del Festival di Sanremo, per scoprire quali altre sorprese linguistiche e di contenuto ci riserverà. 

 

Commenti

Dante rivisto

Rubriche

La parola del mese

a cura di Alessandro Masi

CULTURA

La parola del mese

La parola di questo mese è Cultura.Il termine deriva dal...

SINCERITA'

La parola del mese

La parola di questo mese è sincerità.

Per i latini la...

ABISSO

La parola del mese, Parole verdi

La parola di questo mese è abisso. Il termine abisso viene...

Solleone

La parola del mese, Parole verdi

Anche se il termine 𝒔𝒐𝒍𝒍𝒆𝒐𝒏𝒆 potrebbe richiamare...

Paesaggi italiani

a cura di Lucilla Pizzoli

Paese

Paesaggi italiani

Se dovessimo pensare ad una definizione letteraria per...

CUPOLA

Paesaggi italiani

#PaesaggiUrbani #PaesaggiDaPreservare

Calanchi

Paesaggi italiani, Parole verdi

Cosa hanno in comune Civita di Bagnoregio, Matera, la...

Baia

Paesaggi italiani, Parole verdi

Oltre alle spiagge, le calette e le grotte, l’Italia vanta...

Gioca

Scopriamo insieme...

Gioca, Parole verdi

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Quanto ne sai delle...

Gioca

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Entra nella nostra community