Con gusto… arabo!

Se è ormai noto che molti termini gastronomici, diffusi a livello internazionale, sono parole italiane come panino, pizza o pasta, è altrettanto vero che in quest’ambito anche la lingua araba ha fatto la sua parte.

Tra i cosiddetti “prestiti non adattati”, cioè quelle parole che vengono usate dalle altre lingue mantenendo la loro forma originaria, in italiano abbiamo, ad esempio, i nomi di alcune pietanze che potremmo inserire nella categoria degli antipasti, come l'hummus (“ceci” in arabo), che indica una tipica crema di ceci e sesamo, e i falàfel (o felàfel) ossia delle aromatiche polpettine di legumi e spezie. Passando ai primi, o meglio ancora ai piatti unici, troviamo il cous cous (pietanza originaria del Maghreb a base di semola di grano duro), che nella sua versione italiana ha modificato in “c”, la “k” araba di kuskus. E pensare che il cous cous popola anche le ricette tradizionali della Sicilia e della Sardegna occidentale, per via della dominazione araba: sono celeberrimi i cous cous di pesce del trapanese e dell’Isola di Carloforte!

 

Dulcis in fundo – è proprio il caso di dirlo – la parola zucchero rappresenta un “prestito adattato”, che riprende l’arabo sùkkar, a sua volta derivante dal sanscrito car-kara “grani di sabbia” (composto dalla radice sanscrita car- “rompere in pezzetti”). Aggiungiamo alla lista degli arabismi anche il nostro sorbetto, preparazione rinfrescante da consumare solitamente a fine pasto, nato dal verbo sharaba “bere”. E per rimanere in tema di bevute, lo stesso caffè riprende l’arabo qahwa, ma non la medesima tradizione: chi ha visitato i paesi di cultura araba sa bene quanto sia diverso il nostro espresso dal rituale locale! Si tratta infatti di una bevanda di preparazione complessa, a base di polvere di caffè e aromatizzata con varie spezie, come il cardamomo, l’acqua di fiori d’arancio (o rose), la cannella, i chiodi di garofano e lo zafferano; lo stesso giallissimo zafferano, a cui diamo un nome sempre adattato dalla parola araba za’farān. Tutto torna: incredibile, non è vero?

Basta poi cercare bene tra i banchi del mercato per scoprire che anche la frutta e la verdura comune può celare dalle radici arabe. Pensiamo, ad esempio, all’arancio (in arabo narangi “il frutto favorito dagli elefanti”), entrato in Europa tramite lo spagnolo; il limone (in arabo limum); il carciofo, dall’arabo al kharšūf “lo spinoso” (dove al corrisponde al nostro articolo determinativo, che si è mantenuto ad esempio nello spagnolo alcarchofa) e gli spinaci (in arabo aspanākh) introdotti dai saraceni in Sicilia attorno all’800 d.C.

Incredibile: sembra proprio che viaggiare sulle coste del Mediterraneo con occhi e orecchie aperte alla tradizione culinaria si potrebbe trasformare in una profonda esperienza storica e linguistica.

Commenti

Dante rivisto

Rubriche

La parola del mese

a cura di Alessandro Masi

Bibita

La parola del mese

Il termine viene dal latino bibere, così come i suoi ...

Stabilità

La parola del mese

La radice del termine è il verbo latino stare, che rimanda...

Pianeta

La parola del mese

L’origine del termine, come spesso capita per le parole di...

Simpatia

La parola del mese

Il termine proviene dal verbo greco pathein (“soffrire”)...

Paesaggi italiani

a cura di Lucilla Pizzoli

CUPOLA

Paesaggi italiani

#PaesaggiUrbani #PaesaggiDaPreservare

Calanchi

Paesaggi italiani, Parole verdi

Cosa hanno in comune Civita di Bagnoregio, Matera, la...

Baia

Paesaggi italiani, Parole verdi

Oltre alle spiagge, le calette e le grotte, l’Italia vanta...

Palazzo

Paesaggi italiani

Chi di noi vive in un appartamento è probabile che sia...

Gioca

Scopriamo insieme...

Gioca, Parole verdi

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Quanto ne sai delle...

Gioca

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Entra nella nostra community