Canto dopo Canto. La Divina Commedia nei disegni di Tommasi Ferroni

Se Dante è il padre della lingua italiana, lo è anche di buona parte del nostro immaginario collettivo, almeno quello legato ai ricorrenti interrogativi circa le responsabilità delle proprie azioni e il destino che ci attenderà dopo la morte. Luoghi e vicende, personaggi e comparse, rintracciabili nelle memorabili pagine della Divina Commedia, sono divenuti proverbiali, ma ancor di più si sono imposte alla nostra fantasia le traduzioni figurative che ne hanno dato i grandi maestri del passato: da Botticelli a Federico Zuccari, da William Blake a Gustave Dorè, da Rodin a Picasso. Se anche oggi gli artisti si sentono attratti dai versi danteschi, del resto, il motivo rimane uno: Dante, con la sua forza visionaria e con il suo “visibile parlare”, ha costituito e costituisce ancora materia viva e ricca di suggestioni, colta e recepita da coloro che, quasi a voler ricambiare la sfida, parlano per immagini.

La mostra Canto dopo Canto. Cento disegni di Giovanni Tommasi Ferroni ispirati alla Commedia dantesca, inaugurata lo scorso 16 dicembre a Palazzo Firenze in Roma, testimonia il rinnovato dialogo di un artista contemporaneo con il Sommo poeta. Concepita dalla Società Dante Alighieri in occasione del settecentenario della morte dell'Alighieri, in collaborazione con la casa editrice Opera e con il patrocinio del Mic, l'esposizione riunisce un corpus di cento tavole grafiche del pittore toscano, realizzate con tecnica mista su preziosa carta Fabriano. I disegni di Tommasi Ferroni non temono il tempo: la loro sequenza rispecchia la trama e l'articolazione narrativa della Commedia, "canto dopo canto", attraverso un linguaggio grafico di rara eleganza. La selezione delle tappe, nel lungo viaggio tra i tre regni ultraterreni, è tuttavia originale e non sempre scontata, frutto del personale incontro dell'artista con il capolavoro letterario.

A dimostrazione di quanto sia ancora possibile spaziare e addentrarsi tra le pieghe del verbo dantesco, ognuno alla ricerca della propria “diritta via”.

La mostra rimarrà visitabile fino al 14 gennaio 2022.

 

canto inferno           canto purgatorio

canto dopo canto             canto paradiso

 

Commenti

Dante rivisto

Rubriche

La parola del mese

a cura di Alessandro Masi

Estroverso

La parola del mese

Il termine è di origine latina (da extra-, “fuori”, e...

Sussurrare

La parola del mese

Il verbo latino susurro era una voce onomatopeica, cercava...

Canicola

La parola del mese

Il periodo più torrido dell’anno prende il nome dal termine...

Bibita

La parola del mese

Il termine viene dal latino bibere, così come i suoi ...

Paesaggi italiani

a cura di Lucilla Pizzoli

Paese

Paesaggi italiani

Se dovessimo pensare ad una definizione letteraria per...

CUPOLA

Paesaggi italiani

#PaesaggiUrbani #PaesaggiDaPreservare

Calanchi

Paesaggi italiani, Parole verdi

Cosa hanno in comune Civita di Bagnoregio, Matera, la...

Baia

Paesaggi italiani, Parole verdi

Oltre alle spiagge, le calette e le grotte, l’Italia vanta...

Gioca

Scopriamo insieme...

Gioca, Parole verdi

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Quanto ne sai delle...

Gioca

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Entra nella nostra community