Classi capovolte, ludiche, piacevoli e digitali. Quattro caratteristiche vincenti, secondo Simone Fiorini

L’integrazione delle nuove tecnologie nella didattica può facilitare il percorso di apprendimento rendendolo più creativo e più personalizzato e, allo stesso tempo, favorire forme di maggiore collaborazione e coinvolgimento da parte degli studenti. Lo sa bene Simone Fiorini – una lunga esperienza nel campo dell’insegnamento, tanti riconoscimenti a livello internazionale e, non ultimo, un canale YouTube per le Flipped Classroom con più di cinquantaseimila iscritti – al quale abbiamo chiesto di raccontarci la sua esperienza.“Il primo esperimento di Flipped Classroom documentato – ci ha raccontato Simone –è stato messo in atto da due insegnanti statunitensi nell'anno scolastico 2007-2008, Jonathan Bergmann e Aaron Sams”.
Con l’espressione “classe capovolta”, o insegnamento capovolto, si fa riferimento a un approccio metodologico che ribalta la tradizionale concezione di apprendimento costituita dalla lezione frontale in cui l’alunno impara attraverso il monologo del maestro. “Nella classe capovolta – spiega il docente - l’alunno apprende attraverso la visione di un video in autonomia, modalità caratteristica della generazione Z. In classe si risolvono i dubbi e si discute in maniera attiva dell’argomento affrontato, oltre a fare attività di rinforzo sul tema precedentemente appreso.”

Gli abbiamo chiesto in che termini le nuove tecnologie riescano a coinvolgere maggiormente gli studenti e se questo utilizzo abbia un impatto anche sulla loro autostima e sulla motivazione e ci ha spiegato che “gli studi dimostrano che le generazioni Y e Z hanno una soglia di attenzione molto più bassa rispetto a quelle passate, e che se le classi non sono piacevoli, ludiche e dotate di risorse digitali, gli studenti tendono a distrarsi facilmente. Voglio ricordare che i nostri studenti sono della generazione Z, nati fra il 1995 e il 2010, costantemente “onlife”, neologismo usato da alcuni studiosi. Autostima e motivazione vanno per mano” – continua –ma facendo attenzione a rispettare alcuni aspetti. “Penso sia meglio rivolgere domande al gruppo: chi sa risponde, chi non sa apprende. La tecnologia ci permette di fare attività online e in caso di errore l’alunno può correggersi, senza essere esposto. Tutti imparano, ma non nello stesso giorno o nello stesso momento.”


In questo contesto il ruolo dell’insegnante e le competenze che matura giocano un ruolo fondamentale. “In una società di nativi digitali è fondamentale per i docenti avvicinarsi alla tecnologia per avvicinarsi agli alunni stessi, cercando di capire il loro mondo e il loro lessico. Le competenze chiave per il docente devono essere legate alla comunicazione diretta e concisa e alla padronanza delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC).”

Simone ci ha raccontato che nel liceo messicano in cui insegna hanno scelto il paperless da più di dieci anni e che per insegnare si usano piattaforme come Blackboard e Canvas. “La pandemia non ha cambiato molto la metodologia, le classi sono passate dall’essere in presenza a fare lezione con Zoom, continuando sempre a utilizzare piattaforme digitali. Gli alunni si sono adattati immediatamente” – ha aggiunto il docente - “noi professori abbiamo dovuto riadattare leggermente i programmi”.

 


Simone Fiorini. Nato a Firenze nel 1970, è dottore di ricerca in Scienze dell'Educazione sulla Qualità e sui Processi di Innovazione Educativa.
Professore presso l'Istituto Tecnologico di Monterrey (ITESM) presso il campus Garza Lagüera;
Responsabile della sede d’esame PLIDA (Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri) del Prepatec - Tecnologico de Monterrey. Per dieci anni consecutivi ha ricevuto il riconoscimento ECOAS (Teacher Evaluation Survey) concesso dall'Istituto Tecnologico di Monterrey per la sua eccellenza accademica. È autore di due libri “Historias que sa bena milagro” in lingua spagnola e “Volare in un mondo di emozioni 1” edito dall'Editoria Digitale del Tecnologico di Monterrey.

Commenti

Dante rivisto

Rubriche

La parola del mese

a cura di Alessandro Masi

Stabilità

La parola del mese

La radice del termine è il verbo latino stare, che rimanda...

Pianeta

La parola del mese

L’origine del termine, come spesso capita per le parole di...

Simpatia

La parola del mese

Il termine proviene dal verbo greco pathein (“soffrire”)...

Sport

La parola del mese

Ha fatto diversi giri di pista: dall’italiano diporto è...

Paesaggi italiani

a cura di Lucilla Pizzoli

#ParoleVerdi -...

Paesaggi italiani

Cosa hanno in comune Civita di Bagnoregio, Matera, la...

BAIA

Paesaggi italiani

Oltre alle spiagge, le calette e le grotte, l’Italia vanta...

Palazzo

Paesaggi italiani

Chi di noi vive in un appartamento è probabile che sia...

Nuraghe

Paesaggi italiani

La Sardegna ne ha oltre seimila e ne va estremamente fiera,...

Gioca

Quanto ne sai delle...

Gioca

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Entra nella nostra community