Un nuovo fondo Serianni all'Angelica di Roma

“E vegno in parte ove non è che luca”: l’ultimo verso del IV canto dell’Inferno di Dante, quello del Limbo e dell’incontro con i grandi del passato, fa da titolo al convegno che presenterà martedì 27 febbraio 2024, alle ore 17, il fondo che il Professore Emerito Luca Serianni, Vicepresidente della Società Dante Alighieri dal 2010 al 2022, anno della prematura scomparsa vicino alla sua casa di Ostia, ha voluto donare alla biblioteca Angelica di Roma.
Ad accogliere la donazione ci sarà il Direttore della biblioteca Umberto D'Angelo; ad offrire un ricordo umano e professionale saranno invece Giuseppe Patota, Professore di Linguistica italiana presso l’Università degli Studi di Siena, e Stefano Telve, Professore di Linguistica italiana presso l’Università degli Studi della Tuscia.
Che Serianni abbia voluto lasciare una parte della sua biblioteca all’Angelica non stupisce per due motivi. Questa è infatti certamente una delle biblioteche più belle di Roma, la più antica che è stata aperta al pubblico in Italia, situata in pieno centro, accanto a Sant’Agostino in Campo Marzio, basilica contenente uno dei capolavori di Caravaggio, la “Madonna dei Pellegrini”, e il celebre affresco di Raffaello rappresentante il Profeta Isaia.
La biblioteca, nata proprio come luogo di raccolta dei volumi dei frati del convento di Sant’Agostino, fu aperta al pubblico nel 1604 dal vescovo Angelo Rocca (1546-1620), scrittore erudito e appassionato collezionista di edizioni pregiate, responsabile della Tipografia Vaticana durante il pontificato di Sisto V.
L’Angelica è una delle biblioteche di Roma più frequentate dagli studiosi di letteratura poiché è tra le più fornite di volumi relativi a questo ambito di studi: tra questi, circa diecimila di proprietà dell’Accademia Letteraria dell’Arcadia, custoditi qui dal 1940. Essa conserva inoltre un gran numero di manoscritti e un cospicuo fondo antico.
Il Fondo Serianni donato all’Angelica si aggiunge a quello già presente da novembre 2023 presso la biblioteca del Dipartimento di Lettere e Culture Moderne dell’Università Sapienza di Roma, che contiene circa settemila cinquecento volumi appartenenti allo storico della lingua.
Un’occasione da non mancare quella di martedì, dunque, per ricordare Serianni in un luogo unico, tra storia e bellezza.

Locandina Serianni

Commenti

Dante rivisto

Rubriche

La parola del mese

a cura di Alessandro Masi

CULTURA

La parola del mese

La parola di questo mese è Cultura.Il termine deriva dal...

SINCERITA'

La parola del mese

La parola di questo mese è sincerità.

Per i latini la...

ABISSO

La parola del mese, Parole verdi

La parola di questo mese è abisso. Il termine abisso viene...

Solleone

La parola del mese, Parole verdi

Anche se il termine 𝒔𝒐𝒍𝒍𝒆𝒐𝒏𝒆 potrebbe richiamare...

Paesaggi italiani

a cura di Lucilla Pizzoli

Paese

Paesaggi italiani

Se dovessimo pensare ad una definizione letteraria per...

CUPOLA

Paesaggi italiani

#PaesaggiUrbani #PaesaggiDaPreservare

Calanchi

Paesaggi italiani, Parole verdi

Cosa hanno in comune Civita di Bagnoregio, Matera, la...

Baia

Paesaggi italiani, Parole verdi

Oltre alle spiagge, le calette e le grotte, l’Italia vanta...

Gioca

Scopriamo insieme...

Gioca, Parole verdi

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Quanto ne sai delle...

Gioca

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Entra nella nostra community