Dante onomaturgo. Il Paradiso a parole

Dante viene spesso definito un poeta onomaturgo, ossia capace di creare parole nuove; ne sono prova il vasto numero di neologismi presenti nella Commedia.

Molte di queste parole sono delle trasposizioni in italiano di termini latini (lingua in cui Dante leggeva e scriveva correntemente) che, grazie alla popolarità della Commedia, si sono poi diffusi nell’uso.

Pensiamo ad esempio a termini come mesto (lat. maestus “tristissimo, disperato”, Inf. XVII “la gente mesta”); negletto (lat. neglectus “trascurato, non elegante”, Par. VI - “Quinzio [Cincinnato], che dal cirro / negletto fu nomato”); antelucano (lat. ante lucem “che precede il giorno”, Purg. XXVII “e già per li splendori antelucani”); coartare (lat. coartare “costringere”, Par. XII “ch’uno la fugge e l’altro la coarta”); quisquilia (lat. quisquiliae “pagliuzze”, Par. XXVI “così de li occhi miei ogne quisquilia / fugò Beatrice col raggio d'i suoi”); scialbo (lat. exalbare “coprire una superficie di intonaco”, Purg. XIX “mi venne in sogno una femmina balba, / ne li occhi guercia, e sovra i piè distorta, / con le man monche, e di colore scialba”).

Ma la straordinaria creatività del Poeta emerge, con estrema potenza, soprattutto davanti alle sfide più ardue. Nella cantica del Paradiso, infatti, Dante si trova a descrivere con parole umane un’esperienza ultraterrena tanto sublime da penetrare la lingua stessa, plasmandola a immagine e somiglianza di quel luogo di eterna grazia.

Il suo genio, a partire da un comunissimo meccanismo di formazione delle parole italiane (prefisso in- seguito da sostantivi, aggettivi, numerali, avverbi, pronomi personali e possessivi, molto comuni), dà vita ad una serie parole davvero uniche, che non sono mai entrate nell’uso, ma che - per la loro evocatività e potenza suggestiva - meritano di essere ricordate e, perché no, anche riutilizzate. Eccone alcuni esempi:

Immegliarsi “diventare migliore”
Par. XXX, 87: come fec'io, per far migliori spegli ancor de li occhi, chinandomi a l'onda che si deriva perché vi s'immegli [...]

Imparadisare “riempire d’una gioia simile a quelle del paradiso, infondere un vivo piacere”
Par. XXVIII, 3: Poscia che ‘ncontro a la vita presente / d’i miseri mortali aperse ‘l vero / quella che ‘mparadisa la mia mente (Beatrice)

Insemprare “Durare immutabile per sempre”
Par. X,148: così vid' ïo la gloriosa rota / muoversi e render voce a voce in tempra / e in dolcezza ch'esser non pò nota / se non colà dove gioir s'insempra.

Infuturarsi “Prolungarsi nel futuro”
Par. XVII, 98: Non vo’ però ch’a’ tuoi vicini invidie, / poscia che s’infutura la tua vita / vie più là che ‘l punir di lor perfidie

Inforsarsi “risultare dubbio, essere in forse” Par. XXIV, 87: [...] ma dimmi se tu l'hai ne la tua borsa"./ Ond'io: "Sì ho, sì lucida e sì tonda,/ che nel suo conio nulla mi s'inforsa

Indiarsi “Assimilarsi a Dio nella contemplazione, partecipando della sua beatitudine e della sua intelligenza”
Par. IV, 28: D’i Serafin colui che più s'india, / Moïsè, Samuel, e quel Giovanni / che prender vuoli, io dico, non Maria, / non hanno in altro cielo i loro scanni / che questi spirti che mo t'appariro, / né hanno a l'esser lor più o meno anni; / ma tutti fanno bello il primo giro, / e differentemente han dolce vita / per sentir più e men l'etterno spiro.

Inmiare e intuare “Identificarsi con la persona che sta parlando, conoscendone pensieri e sentimenti come fossero i propri”.
Par. IX, 81: Già non attendere' io tua dimanda, / s'io m'intuassi, come tu t'inmii.

Immillarsi “moltiplicarsi in milioni”
Par. XXVIII, 93: L'incendio suo seguiva ogne scintilla/ ed eran tante, che 'l numero loro/ più che 'l doppiar de li scacchi s'inmilla.

Indovare “Configurarsi in un determinato spazio”
Par. XXXIII,138: Qual è 'l geomètra che tutto s'affige / per misurar lo cerchio, e non ritrova, / pensando, quel principio ond' elli indige, / tal era io a quella vista nova: / veder voleva come si convenne / l'imago al cerchio e come vi s'indova.

Inluiarsi “Assimilarsi a lui (Dio) nella contemplazione, partecipando della sua beatitudine e della sua intelligenza”
Par. IX, 73: «Dio vede tutto, e tuo veder s'inluia», / diss' io, «beato spirto, sì che nulla / voglia di sé a te puot' esser fuia [...]».

Inleiarsi “Assimilarsi a lei (“l’ultima salute”, cioè Dio) nella contemplazione, partecipando della sua beatitudine e della sua intelligenza”
Par. XXII,127: «Tu sè sì presso a l'ultima salute», / cominciò Bëatrice, «che tu dei / aver le luci tue chiare e acute; / e però, prima che tu più t'inlei, / rimira in giù, e vedi quanto mondo / sotto li piedi già esser ti fei...

Commenti

Dante rivisto

Rubriche

La parola del mese

a cura di Alessandro Masi

Canicola

La parola del mese

Il periodo più torrido dell’anno prende il nome dal termine...

Bibita

La parola del mese

Il termine viene dal latino bibere, così come i suoi ...

Stabilità

La parola del mese

La radice del termine è il verbo latino stare, che rimanda...

Pianeta

La parola del mese

L’origine del termine, come spesso capita per le parole di...

Paesaggi italiani

a cura di Lucilla Pizzoli

Paese

Paesaggi italiani

Se dovessimo pensare ad una definizione letteraria per...

CUPOLA

Paesaggi italiani

#PaesaggiUrbani #PaesaggiDaPreservare

Calanchi

Paesaggi italiani, Parole verdi

Cosa hanno in comune Civita di Bagnoregio, Matera, la...

Baia

Paesaggi italiani, Parole verdi

Oltre alle spiagge, le calette e le grotte, l’Italia vanta...

Gioca

Scopriamo insieme...

Gioca, Parole verdi

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Quanto ne sai delle...

Gioca

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Entra nella nostra community