"L'enigma Giotto" - Claudio Strinati

Il 16 aprile (su Robinson di Repubblica), Claudio Strinati ha recensito il nuovo libro di Alessandro Masi L'artista dell'anima. Giotto e il suo mondo, edito da Neri Pozza e in libreria dal 22 marzo scorso. Il libro approfondisce il tempo e la vita dell’uomo che fu “simbolo stesso della novità nelle arti figurative", segnò il passaggio dallo stile bizantino a quello geometrico-prospettico basato sulla prospettiva e "sul recupero dell’idea classica dell’arte che imita convincentemente la realtà".

Strinati illumina i passaggi del libro dove, alludendo agli aspetti più misteriosi ed enigmatici della vita di Giotto, Masi delinea una triade ideale, quasi geometrica, all'origine dell’arte figurativa, della poesia e della spiritualità per come oggi le conosciamo. Il collegamento è quasi un triangolo (prospettico?) dove le vite di Giotto e Dante Alighieri si associano a quella di San Francesco.

Anche se si tratta di uno dei pittori più familiari alla cultura popolare, "su Giotto si scrive poco - ricorda Strinati - e il libro di Alessandro Masi [...] ripropone cognizioni e meditazioni latenti in ognuno di noi ma da qualche tempo accantonate dal dibattito storico- artistico". Tra queste meditazioni, accanto agli spunti storici o saggistici che si sarebbero potuti benissimo innestare sulla capacità innovativa di Giotto, spiccano quelle sulla sua nascita, contornata di leggende, e sulla sua morte. Il risultato, secondo il critico, è "un solenne e commovente bilancio di un’esistenza gloriosa destinata a fama imperitura” e una conclusione che evoca gli ambienti iniziatici di cui Dante e Giotto verosimilmente fecero parte.

Il libro esprime più voci: “della nostra contemporaneità sobria e vigilata; quella dei tempi di Giotto stesso intarsiata di evocazioni e citazioni di letterati, cronisti, poeti, filosofi e commercianti, teologi e amministratori; quella tecnica del mestiere dell’artista sui materiali, sulle procedure, sulle pratiche di bottega; quella dei linguaggi specifici dell’epoca, della quotidianità come della Dottrina." Quasi un coro per indicare Giotto-Francesco-Dante come base stabile della nostra modernità, e Strinati la fa risalire ancora più indietro, sino a "Confucio, Buddha, Socrate, Seneca, Gesù Cristo, Sant’Agostino, Maometto [...] e i viaggi di Marco Polo". Un tratteggio che, nel libro di Masi, si snoda attorno al “Cantico delle creature” di San Francesco, la prima espressione di poesia in volgare italiano.

 

Autore: Alessandro Masi

Editore: Neri Pozza

Collana: I colibrì

Anno edizione: 2022

Pagine: 176 p., brossura 

EAN: 9788854523791

 

Commenti

Dante rivisto

Rubriche

La parola del mese

a cura di Alessandro Masi

Bibita

La parola del mese

Il termine viene dal latino bibere, così come i suoi ...

Stabilità

La parola del mese

La radice del termine è il verbo latino stare, che rimanda...

Pianeta

La parola del mese

L’origine del termine, come spesso capita per le parole di...

Simpatia

La parola del mese

Il termine proviene dal verbo greco pathein (“soffrire”)...

Paesaggi italiani

a cura di Lucilla Pizzoli

CUPOLA

Paesaggi italiani

#PaesaggiUrbani #PaesaggiDaPreservare

Calanchi

Paesaggi italiani, Parole verdi

Cosa hanno in comune Civita di Bagnoregio, Matera, la...

Baia

Paesaggi italiani, Parole verdi

Oltre alle spiagge, le calette e le grotte, l’Italia vanta...

Palazzo

Paesaggi italiani

Chi di noi vive in un appartamento è probabile che sia...

Gioca

Scopriamo insieme...

Gioca, Parole verdi

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Quanto ne sai delle...

Gioca

La Società Dante Alighieri, in collaborazione con il...

Entra nella nostra community